È difficile immaginare oggi, guardando alle nostre città intrise di asfalto e cemento, ma anche alle campagne modellate sull’esigenza dell’agricoltura e dei campi, che un tempo queste zone fossero largamente spopolate e selvatiche. Che dove oggi ci sono città, edifici e campi, un tempo ci fossero boschi, selve e paludi. No, questo articolo non…

via Cronache nemdiane – L’ambiguo confine: foreste e uomini nell’Alto Medioevo —

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...