I monti di Gualdo Tadino

I monti di Gualdo Tadino 6 ottobre 2019 Con questa escursione toccheremo le cime più alte che sovrastano la Gola della Rocchetta e Gualdo Tadino. Partendo dal parcheggio dell’eremo/rifugio di Serra Santa e raggiunto l’eremo stesso, ci avvieremo, in leggera salita, fino alla cima di Serra Santa (1423 mt.). Da qui attraverso le vaste praterie sommitali scenderemo fino al Pian delle Vescole per poi raggiungere la vetta più alta del comprensorio, il monte Penna (1432 mt.). Tornati sui nostri passi a ca. due terzi del percorso ci aspetta la terza cima, quella del Monte Nero (1412 mt.). Da qui scenderemo per prati in direzione della Rocchetta, fino ad incontrare un sentiero immerso in una bellissima faggeta che ci porterà sopra alla Balza di Mezzogiorno a picco sopra Gualdo. Quindi, con una ripida ma breve salita, ritorneremo al Rifugio e al parcheggio. La maggior parte del percorso si svolge su estese praterie sommitali, dove, grazie alle abbondanti nevicate e piogge, si raccoglie l’acqua che sgorga copiosa dalle numerose sorgenti del comprensorio. I continui cambi di versante ci faranno ammirare panorami sempre di grande bellezza.

Le Passaiole di Monte Maggio Gualdo Tadino

Le Passaiole di Monte Maggio Gualdo Tadino maggio 2014
Le Passaiole sono due stretti sentieri che attraversano il movimentato ambiente roccioso del versante ovest del mte le Senate il quale, col gemello mte Maggio, si erge sopra la Valsorda di Gualdo Tadino.

Partendo dal parcheggio dell’amena valle si sale, dapprima su sentiero e successivamente per prati,
fino alla sommità del mte Maggio (1360 mt) da dove si godono belle viste sui monti e vallate del
Fabrianese e del Gualdese. The Passaiole are two narrow paths through the busy environment of the rocky slope
West mte the Senate who, with the twin mte May, rises above the Valsorda of Gualdo Tadino.
From the car park of the pleasant valley you climb, first on the path and then to lawns,
to the summit of mte May (1360 meters) from where you enjoy beautiful views of the mountains and valleys of
Fabriano and Gualdese.

Monte Le Senale la fioritura su Gualdo Tadino 28 maggio 2017

Con questo percorso andremo a “conquistare” tre dei monti che, al confine con le Marche, fanno da corona a Gualdo Tadino. Si tratta de Le Senale (1324 mt) del quale percorreremo anche le Passaiole,

sentierini che attraversano il roccioso lato Ovest, poi saliremo sul mte Maggio (1359 mt) dal quale si
godono bei panorami sia verso le Marche che l’Umbria, infine ridiscesi in Valsorda, affronteremo la
salita al mte Serra Santa (1423 mt) per poi dirigerci alla volta dell’omonimo Eremo e scendere di
nuovo al punto di partenza. Gli ambienti attraversati saranno molto vari: rocce, prati con magnifiche
fioriture e bei boschi, soprattutto faggete.
With this route we will “conquer” three of the mountains that, at the border with the Marche, make
Crown to Gualdo Tadino. This is Le Senale (1324 mt), which we will also walk along the Passaiole,
Paths crossing the rocky west side, then we will go up to May (1359 mt) from which you
They enjoy beautiful views both to the Marche and Umbria, finally to Valsorda, we will face the
Climb up to the Serra Santa (1423 mt) to then head to the homonymous Eremo and get off at
New to the starting point. The environments crossed will be very varied: rocks, beautiful meadows
Blooms and beautiful forests, especially beech trees.

I monti di Gualdo Tadino 6 ottobre 2019 con coccinelle finali

I monti di Gualdo Tadino 6 ottobre 2019

Con questa escursione toccheremo le cime più alte che sovrastano la Gola della Rocchetta e Gualdo Tadino.

Partendo dal parcheggio dell’eremo/rifugio di Serra Santa e raggiunto l’eremo stesso, ci avvieremo, in leggera salita, fino alla cima di Serra Santa (1423 mt.).

Da qui attraverso le vaste praterie sommitali scenderemo fino al Pian delle Vescole per poi raggiungere la vetta più alta del comprensorio, il monte Penna (1432 mt.).

Tornati sui nostri passi a ca. due terzi del percorso ci aspetta la terza cima, quella del Monte Nero (1412 mt.).

Da qui scenderemo per prati in direzione della Rocchetta, fino ad incontrare un sentiero immerso in una bellissima faggeta che ci porterà sopra alla Balza di Mezzogiorno a picco sopra Gualdo.

Quindi, con una ripida ma breve salita, ritorneremo al Rifugio e al parcheggio.

La maggior parte del percorso si svolge su estese praterie sommitali, dove, grazie alle abbondanti nevicate e piogge, si raccoglie l’acqua che sgorga copiosa dalle numerose sorgenti del comprensorio.

I continui cambi di versante ci faranno ammirare panorami sempre di grande bellezza.